03 novembre 2012

RITORNO ALLA SEMPLICITA'.....TORTA DI GRANO SARACENO E MARMELLATA DI LAMPONI








Leggevo la presentazione del nuovo libro di Lina Sotis “Libretto di risparmio. Ricominciamo da zero”.
Giornalista esperta di costume e società, che mi piace da sempre, nella sua introduzione dice “Arriva la crisi. Tranquilli, è la nostra grande occasione. Dimostriamo ciò che siamo. 
La fantasia costa poco e rende molto. 
Reinventiamoci. 
Sorridiamo di come eravamo. 
Felicitiamoci di come possiamo diventare”.

Quanta verità in queste parole.

Vi riporto semplicemente alcuni passaggi, sull’amicizia: “Arriva la crisi: meno soldi, più sorrisi. Chi ci guadagna veramente è il sentimento più bello che sia concesso agli umani: l’Amicizia.
Nei tempi dell’eccesso, come eravamo pieni di tutto, eravamo anche pieni di conoscenze, di contatti, di persone che ci giravano intorno, di amici, di amici di amici incontrati chissà dove, sempre baciati, ma mai realmente conosciuti….In tutta questa corsa a trovare dei pari eravamo rimasti senza amici e dunque senza quel sentimento primario che riscalda e aiuta a vivere.
Solo in tempi di crisi si capisce chi sono i veri amici. Meno cose inutili da fare, più tempo davanti a noi, voglia di condividerlo con chi ci è simile per possibilità, interessi e valori.
Il cerchio dunque si restringe, ma nello stesso tempo si allarga perché ci possono voler bene persone apparentemente diversissime che non sono interessate a quello che facciamo o rappresentiamo, ma solo a quello che siamo.
E’ quanto diamo che vale, e in un periodo di risparmio viene fuori quello che veramente abbiamo da offrire…L’unico modo di risparmiare è NON risparmiare sé stessi.”

Sull’entusiasmo: “ Fra tutti i sentimenti è il più bello perché il più generoso. L’entusiasmo è un moto d’animo, contagioso, che crea gioia e non chiede niente. Chi riesce ad entusiasmarsi anche in tempi di crisi ha un passaporto per il futuro, che lo porterà ovunque.”

Non saprei davvero cosa aggiungere, questi passaggi penso che facciano davvero riflettere. 
Credo però che un ritorno alla semplicità possa realmente aiutarci a vivere meglio, ad apprezzare le piccole cose, le più semplici e a tirar fuori il meglio di noi stessi. Se quello che si guadagna sono il ritorno di valori quali la solidarietà, l'amicizia, la collaborazione, l'altruismo..beh, allora ben venga anche la crisi. ^_^

In omaggio alla semplicità oggi vi lascio un dolce. Semplice e buono.



Ciao amici!




TORTA DI GRANO SARACENO E MARMELLATA DI LAMPONI

Ingredienti:

250 gr farina di grano saraceno biologica
100 gr farina di riso biologica
140 gr olio evo
3 uova biologiche 
2 vasetti di yogurt naturale biologico
170 gr zucchero di canna
1 cucchiaino polvere di vaniglia bourbon biologica
1 bustina lievito per dolci
sale un pizzico
4 bacche cardamomo (facoltative)
300 gr marmellata di lamponi biologica
zucchero a velo qb













Sbattete i tuorli in una terrina con lo zucchero e l’olio.

Aggiungete anche le due farine setacciate con il lievito e la vaniglia, mescolate fino ad amalgamare bene tutto. Aggiungete anche lo yogurt e mescolate

Montate a neve morbida gli albumi con il sale poi incorporate al composto preparato.

Se vi piace (a me da morire!) aggiungete anche 3-4 bacche di cardamomo, (apritele e pesate o triturate un po' i semini).

Versate il composto in una teglia rotonda rivestita di carta forno ed infornate a 180 ° per circa 40 minuti. Verificate la cottura con ‘prova stecchino’ al centro della torta (deve uscire asciutto).

Una volta raffreddata, tagliate la torta a metà e spalmatela con la marmellata di lamponi, ricoprite e spolverizzate di zucchero a velo. 

Se vi va potete fare dei disegni utilizzando, come ad esempio ho fatto io, delle foglie secche.









24 commenti:

SQUISITO ha detto...

mi piacciono le torte "imperfette" come questa....non perfettamente tonde e con il ripieno strabordante...denotano genuinità e semplicità nella preparazione...insomma le torte della nonna che erano sempre le più buone!
bravissima cara!
bacio

Elisa Bonanni ha detto...

Che belle le parole della Sotis...e che bella questa torta! la farina di grano saraceno mi piace molto...mi sa di cose rustiche...come questa torta!!
Bacio e buon sabato!
Elisa

Maria ha detto...

Roberta,! Che post in modo stimolante e positivo per la nostra società in crisi!.
Sono assolutamente d'accordo che la crisi economica può essere una straordinaria occasione per "ripensare" i valori autentici che abbiamo messo da parte da avidità, il materialismo, l'edonismo ... tutto ciò che degrada l'essere umano come persona.
Torna alla priorità della famiglia, l'amicizia, la solidarietà, l'onestà, la giustizia, in ultima analisi, un mondo migliore per tutti noi e per tutti in generale.
Il mio cuore è fiducioso che la crisi è finita finalmente qualcosa di buono per la nostra società.
Tesoro, la tua torta mi ricorda quello che ho nella mia ricetta, apparentemente imperfetto e semplice ma gradevole al palato.! Olé dalla semplicità di questa deliziosa torta con la corte in modo appetitoso e attraente!
I nostri desideri per un mondo migliore aspetto complimenti caro amico e nel frattempo continuare a godere di questi piacevoli momenti di condivisione di ricette, sentimenti e amicizia.
Un abbraccio con tutto il mio affetto e una bella giornata piena di esperienze.

Cucina che ti passa - RUMI - ha detto...

Anche secondo me il periodo di crisi può essere anche un nuovo inizio per riscoprire tutto quello che abbiamo perduto a causa anche del troppo consumismo.
e questa torta ne è un chiaro esempio, non sarà di quelle tutte perfette che si comprano in pasticceria ma sono sicura che è molto più buona!
complimenti!!
bacioni

Ely ha detto...

Amica cara! Che buono il grano saraceno.. mi piace tantissimo nella sua rusticità! :D Bellissima ricetta e la terrò presente, ho appena comprato un pacchetto di farina! Come è vero ciò che si dice, riguardo alla crisi: è proprio quando cala il buio che si vedono le vere stelle! E' quando una persona è messa alle strette che può con entusiasmo, voglia di reinventare ed energia, dare una nuova direzione alla sua vita!! :) Un abbraccio forte ed evviva la semplicità! :)

Michela ha detto...

Bellissime parole, e una torta fantastica. Io uso molto il cardamomo! L'aspetto della fetta è sofficioso ^__^
Un bacione Roberta!

Claudia ha detto...

Sai che è stata l'unica cosa che ho preparato con quella farina?? e forse mi è piaciuta solo così.. forse eprchè si mescola alla marmellata! Cmq sia bellissima la tua.. baci e buon sabato .-)

Maria Pia Sc ha detto...

Sarebbe bello riuscire sempre a vedere un lato positivo nelle cose!
Il gusto di questa torta dev'essere ottimo, ci sono tanti ingrdienti interessanti, complimenti e buona giornata!

Piovonopolpette ha detto...

Sono d'accordo al 100% con le parole di Lina Sotis, soprattutto quelle sull'amicizia! La torta è semplice, ma strepitosa :D con tutta quella marmellata, mmm!!! Smack!

Roberta ha detto...

Sottoscrivo il pensiero di Lina, da tempo sono convinta che un ritorno ai valori di base sia la chiave per una vita serena e ricca di piccole felicità che riempiano il cuore.....anzi, se ti fa piacere vai a leggere questo mio vecchio post: http://thedreamingseed.blogspot.it/2012/05/i-pomodorini-secchi-e-la-decrescita.html
Baci Roby, te lo posso dire? Mi piaci un sacco! :)

Roberta Morasco ha detto...

Baci a tutte.. Roberta..te lo posso dire? Mi piaci un sacco pure tu!!!
Buon w.e amiche!

Eva ha detto...

Verissimo! Solo nelle grandi crisi si dimostra chi davvero si è! E poi... io adoro i lamponi! Un bacio grande!

Ubique Chic, H2O Fashion added

Fabiano Guatteri ha detto...

Con questa torta ricca ai lamponi, frutto prelibato, anche la crisi sembra più attenuta.

La cucina di Esme ha detto...

Semplice ma favolosa e poi con quella farcitura....!!!!!!!!!
buona domenica
Alice

LA CUCINA DI...FEDERICA ha detto...

Roberta, come sempre i tuoi post regalano spunti di riflessione molti profondi.
Assolutamente d'accordo con quello che hai scritto.
Basta davvero un sorriso per sentirsi più arricchiti.
Basta davvero un affetto per sentirsi meglio. E condivido che gli affetti che si vivono in questo periodo storico così difficile, sono quelli più veri. quelli che non hanno bisogno di ricchezze materiali ma si alimentano della genuinità delle persone.
E questa riscoperta di semplicità, io la sto ritrovando anche fra chi conosco nel web. Amiche che dedicano del tempo a scrivere lunghe e-mail raccontando di se e delle loro emozioni. ed è per me una ricchezza ricambiare questo gesto così "semplice" ma profondo.
ahimè però sono sempre di più le persone che non trovano tempo!!!
Ti auguro un buon fine settimana e segno la ricetta della tua torta. Me gustano le torte con farine diverse.
p.s. noi stiamo bene. ora i movimenti del bimbo sono sempre più energici...povero cucciolo avrà pochissimo sapzio!!!
un kiss federica

LA CUCINA DI...FEDERICA ha detto...

p.s.s.oltre alla ricetta segno anche il titolo del libro che non mancherò di leggere.

Patty Patty ha detto...

Belle le parole della Sotis... speriamo che veramente rallentare ci porti ad una scoperta degli aspetti più belli e non (come pessimisticamente a volte penso) si arrivi ad una guerra dei poveri. Intanto la torta rinfranca l'anima!! ho visto che stai leggendo il libro di Ervas... non l'ho letto ma ho visto un pò di servizi l'anno scorso... Pensa che io ho due amici con lo stesso problema (autismo dopo vaccino)... Quanto amore!! Un bascio tesoro! Pattipa

Velvet Dreams ha detto...

mmmm. ;)
Passa da me se ti va.
Bacio!
Giveaway

Angela di Finalmente in cucina ha detto...

Che delizia, poi io adoro la confettura di lamponi! Ora sono anche tra i tuoi lettori fissi così posso venire a trovarti più spesso! :)

MaggiorDomus ha detto...

Subisco vera e propria dipendenza per la zuppa di cipolle! Ciao!

Monique ha detto...

Quante belle parole che hai riportato e che condivido pienamente.
Siamo/eravamo arrivati davvero ad un punto di non ritorno, soddisfatti di poco nonostante si abbia tutto, egoisti, sempre alla ricerca di qualcosa in più ... e questa crisi davvero da un lato non può che farci bene proprio per riscoprire i veri valori e le cose più semplici ... niente di più vero (anche se per tante persone purtroppo non basta ancora ... ho sentito dire da una ragazza che conosco, forse la più "vuota" che io conosco, che se aumentano le tasse le toglieranno più soldi dalla busta paga e non si potrà permettere tutte le borse che vorrebbe .... ecco ti ho detto tutto).
Mi piace da matti la tua torta, semplice, sana e sicuramente stra buona.
Brava Roberta, io sono con te!!!
Bacioooo

Ida ha detto...

parole sante!crisi a parte, un ritorno della semplicità ci sta: troppe cose e persone artificiali in giro! la torta è qualcosa di spettacolare nella sua semplicità e l'idea delle foglie secche è molto originale :)

Trattoria da Martina ha detto...

Deve essere buonissima anche in questa versione! Gnam!!

Cristina D. ha detto...

Ciao Roberta, di blog in blog son arrivata qua e ho letto vari post dei tuoi. Che belle le introduzioni che scrivi ! Scommetto che giochi a fare la cuoca anche con le tue figlie. Io lo facevo spesso con il mio, ma ora ha 14 anni e gioca a fare il pasticcere con le sue compagne di classe !